Giano Storia Memoria Ricerca
Periodico di informazione culturale e bibliografica

Registrato presso il Tribunale di Roma Registro Stampa n. 7 del 25/01/2018
ISSN 2612-3592

La rivista nasce nel 2018 come quadrimestrale specializzato nella ricerca e negli studi storici, con interesse verso le tradizioni, la memoria e il patrimonio culturale, e con attenzione particolare rivolta agli eventi e alle tematiche che hanno coinvolto la penisola italica nei secoli XIX e XX.

Attraverso la divulgazione di studi storici specifici e l’approfondimento di tematiche o problematiche dell’età contemporanea, obiettivo del periodico è sensibilizzare al semplice concetto che il nostro presente, l’attuale situazione sociale, politica ed economica, i nostri simboli, come pure le abitudini, i luoghi in cui quotidianamente trascorriamo il tempo o anche semplicemente il nostro modo di pensare, sono inequivocabilmente specchio di un passato, più o meno lontano. Si tratta indubbiamente di un concetto banale ma che, forse proprio per la sua semplicità e la sua “ovvietà”, rischia di essere trascurato, tralasciato ed infine dimenticato.

Da qui nasce Giano, il cui capo bifronte guarda contemporaneamente in due direzioni opposte, davanti a sé, verso ciò che sta per iniziare, all’oggi e all’immediato domani, e dietro di sé, verso ciò che si è ormai concluso, ma che, per il solo fatto di essere esistito, non può che incidere sul presente e sul futuro che ci aspetta, davanti.

Nello specifico, la rivista si articola in diverse rubriche, attraverso le quali vengono affrontati differenti argomenti e ambiti di ricerca, che spaziano dallo studio del territorio all’archeologia, dalla cultura e tradizioni popolari all’architettura, dalle sfide del mondo digitale alla letteratura contemporanea, fino ad accogliere contributi in anteprima coi quali sono illustrati e divulgati documenti storici inediti ed altrimenti non facilmente accessibili. Pur nell’apparente eterogeneità di settori e campi di indagine, il punto fermo di ciascuna rubrica è affrontare gli specifici argomenti con un approccio ed una lettura di tipo storico.

Attraverso questi capisaldi, il periodico vuole porsi come prodotto di un equilibrato compromesso tra una rivista scientifica e una rivista divulgativa, ossia come uno strumento di comunicazione specializzata ma veloce tra studiosi, che sia però anche raggiungibile dal grande pubblico o comunque da lettori occasionali e possa pertanto diffondere la molteplicità di campi nei quali gli studi storici sono inevitabilmente sempre chiamati in causa.

I contributi infatti, brevi e sintetici, cercano di affrontare tematiche specifiche attraverso un linguaggio accessibile, con il fine di consentire a un pubblico il più vasto possibile di apprezzarne i contenuti, e sono opera di studiosi e professionisti, che possono comunque contare su un comitato scientifico attivo, su una solida collaborazione con il dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Roma Tre, con il quale l’Associazione Culturale Biblioteca Lorenzo Lodi ha una convenzione dal gennaio 2018, oltre che naturalmente sulla risorsa del patrimonio librario della biblioteca Lorenzo Lodi stessa. A quest’ultimo proposito è inoltre in fase di costruzione una sezione della rivista che raccoglie tematiche più “quotidiane” o “spensierate”, come gli aggiornamenti sulle attività della biblioteca.

L’obiettivo di facile e veloce divulgazione è stato uno dei primi capisaldi su cui si è fondata la rivista, che nasce infatti come pubblicazione on-line, rigorosamente open access e gratuita, facilmente sfogliabile e leggibile da dispositivo telematico fisso o mobile munito di qualsiasi sistema operativo. Inoltre, per chi “ama la carta” è possibile chiedere il file sfogliabile e stampabile per il S.O. Windows o Apple.

Per collaborare o avere maggiori informazioni, contattare redazionegiano@bibliolorenzolodi.it



GIANO Storia Memoria Ricerca : Anteprima prototipo del numero DUE con assistente vocale (Introduzione e sommario)

I commenti sono chiusi.