Fondo Adriano Faccenda

Adriano Faccenda (Anzio 1948-Nettuno 2019)

Ultimo dei quattro figli di Vittorio Faccenda e Norma Bergami, dopo il diploma in ragioneria e il servizio militare nell’arma dei Carabinieri, trova impiego presso la Banca Nazionale del Lavoro, per la quale presta servizio fino all’entrata in pensione.
 
Fin da giovanissimo inizia a coltivare le sue molteplici passioni per il collezionismo filatelico e numismatico, per il mondo dei radioamatori ma soprattutto per la storia del proprio territorio alla quale nel 1985 dedica il suo libro “Alla riscoperta di Anzio” e si adopera attivamente per la creazione della sezione italiana del Museo dello Sbarco di Anzio a Villa Adele.
 
Pur non essendo stato direttamente combattente, ricopre incarichi internazionali nell’Associazione Decima MAS tanto da essere il primo autore di un omaggio a Gibilterra in ricordo delle azioni di guerra della X Flottiglia MAS.
 
Commendatore dell’Aquila Romana, vicepresidente nazionale dell’Opera dei Caduti senza croce, ufficiale della Croce Rossa Militare e cavaliere della Repubblica, nella sua profonda devozione religiosa è anche postulatore della causa di beatificazione di Emma Allegrini e ministro dell’Ordine Francescano Secolare.
 
Uomo di grande spessore morale, portavoce instancabile dei valori di Patria e famiglia.
La famiglia ha donato alla Biblioteca Lorenzo Lodi oltre 60 monografie su tematiche di storia contemporanea.
 

I commenti sono chiusi.